La storia della chimera di arezzo

Via S. Lorentino, 105, 52100 Arezzo AR, Italia

1553 presso Porta San lorentino Fu ritrovata la grande statua in bronzo raffigurante la mitica Chimera databile agli inizi del IV secolo avanti Cristo la statua presenta lungo la zampa anteriore destra l'iscrizione ti infili la quale è stata Incisa direttamente sul modello in cera prima della fusion Tale parola composta dai termini tins hicksville è stata generalmente intesa come dono a Tina se pure si propenda ora verso il significato più generico di offerta è stato ipotizzato che la scultura isolata o assieme al suo avversario Bellerofonte fosse un dono per un impor Santuario suburbano forse dedicato al medesimo Tina come lascerebbero intuire altri Bronzetti votivi rinvenuti assieme alla più grande scultura l'iscrizione rientra in una serie di testi Etruschi che indicano il dono di un oggetto alla divinità in età arcaica il testo di dedica conteneva il nome e il usato nel dono fra uomini esplicitando così una pratica che ricalcava quella in uso tra gli aristocratici

CONDIVIDI LA PAGINA!