Sentieri Metropolitani

La Fiera di Rho-Pero già un principio molto semplice l'orientamento i venti dominanti che cosa volevo raccontare volevo rendere semplice un percorso che di solito è molto complicato perché le fiere hanno un andamento tortuoso poi sono un musicate da caratteristiche interessi di materiali differenti uno dall'altro disposizioni che hanno un tempi brevi o più o meno lunghi la l'idea era di fare una sorta di ordine in ordine mentale fare un lungo asse di un chilometro e sei e come una grande passeggiata in un aeroporto dove si può camminare a livello terra sei pagato il biglietto oppure al livello più alto se non l'hai pagato perciò questo lungo asse a sinistra The Gate e tu scompari dentro questo che ti dei tesori padiglioni i padiglioni sono orientati e nello stesso momento non è che sono soltanto di è tardi producono un certo. Perché la piazza non è pensabile in un paese come l'Italia o in città italiane non produrre e dopo almeno 7 800 metri ti piace il luogo dove la gente si incontra si siede e parla con altri oppure c'è il luogo di un convegno si fa una conferenza oppure ci può essere un grande concerto dopo continua il percorso ma cambiano anche al centro cambia anche la giacitura la posizione di due padiglioni che non sono più padiglioni su un piano ma divento di due piani perciò c'era una scala più grande la dimensione maggiore e l'altra cosa che credo che sia importante è che se hai una facciata che corre di un padiglione che ha una faccia da più di 200 metri ogni padiglione e magari questa facciata di acciaio inox riflette riflette sia quello che

CONDIVIDI LA PAGINA!