La città di Messina

Piazza Antonello, 98122 Messina ME, Italia

Messina con il suo singolare porto falcato in mezzo allo stretto che divide la Costa Calabra da quella Sicula Zancle La Falce Messana tanti nomi ma unica Lidl la città Nobili tradizioni marinare e ha conosciuto periodi di grande splendore Aperta al commercio con tutto il Mediterraneo Sicula di nascita greca per vocazione Messina e il suo mare quel braccio d'acqua che era ostacolo insormontabile per i naviganti e che Ulisse attraverso Indomito tra i primi dettando Scilla ed il più temibile carichi colonia greca del 70 Data da sempre il centro nevralgico del Mediterraneo Messina deve al suo mare la propria esistenza quel mare che regala l'estate quasi tutto l'anno quel mare che confine mitico tra due mondi l'Europa e i paesi del Mediterrane Alcuni giorni di primavera il miraggio della Fata Morgana innalza le immagini al cielo e le riflette In basso sulla terra e sull'acqua messina il suo mare si è detto la città e anche. Di numerose compagnie crocieristiche che hanno scelto questa Riva dello stretto come Scalo nei loro tour nel Mediterrane Un ingresso spettacolare sul porto falcato Domina avvolgendo il suo Benvenuto l'alta statua della Madonnina protettrice della città i collegamenti sullo Stretto di Messina vengono effettuati da traghetti e aliscafi veloc Nella quale nel 1679 fu costruita in funzion La Cittadella di cui oggi rimangono pochi resti come la porta Grazia collocata in piazza Casa Pia notevole e poi la torre del Garofalo cioè del Gorgo dello stretto la cui lanterna del XVI secolo e del Montorsoli risalgono invece agli ultimi decenni i forti umbertini che difendevano lo stretto Dalle colline alcuni come San jachiddu Salice e forte cavalli sono stati recuperati per ospitare spettacoli e iniziative culturali questo ed altro e bellezze panoramiche e monumentali si possono visitare anche in carrozzella o sul trenino turistic è proprio a pochi Dal porto nel centro storico si trovano diversi monumenti apre il cammino del visitatore la chiesa dei Catalani un salt Direi un po' fino alla fine del XII secolo quando sul tempio pagano di Nettuno nacque la Chiesa dell'Annunziata Qui si fondono linee arabe Normanne bizantine e romaniche le decorazioni esterne gli archivi colori sono parte del parlo di questo prezioso tempio di fronte la statua bronzea di Don Giovanni d'Austria di Andrea calamech del 1572 raffigura Il condottiero della Lega Santa che sconfisse i turchi a Lepanto e che tiene la pergamena di Pio quinto e la testa del Ottomano Ali Pasha sotto il piede poco distante alle 4:0 Raffinato le policrome realizzate tra il 1666 e il 1742 adornate DEA creature Marine dagli stemmi dell'impero spagnolo e di Messina 2 Sono in via Primo Settembre le altre due sono esposte al Museo regional Giungendo a Piazza Duomo tra gli arredi urbani più belli del Cinquecento europeo realizzata dal mondo allievo di Michelangelo la fontana di Orione mitico gigante che la tradizione vuole fondatore della città al centro di una vasca e riccamente ornata di rilievi si ergono le 4:00 di l Libro Nilo Tevere e Camaro gruppi di figure mitologiche in grovigli stilistici di rara bellezza che animano la fonte con straordinaria viva ed al contempo valorizzano l'elegante architettura

CONDIVIDI LA PAGINA!