Andrea Rui

Siamo in piazza Duomo a Milano di fronte al ciao dov'è via Santa Radegonda smettevo nell'antichità dell'attuale piazza Duomo ospita un complesso episcopale formato da Battistero e basilica cui datazione collocazione tuttora oggetto di discussione di XI doveva finire così a sinistra la chiesa di Santa Tecla etanche Basilicanova o maior con annesso il Battistero di San Giovanni alle fonti i cui resti sono ancora visibili sotto il sagrato a destra la chiesa di Santa Maria Maggiore dettagli male cioè invernale Juventus costruita sui resti di una precedente chiesa paleocristiana con adiacente il battistero di Santo Stefano sulla collocazione del campanile le posizioni divertono noi osservando il famoso disegno di Piero del massaio Mediolanum l'abbiamo collocato di fianco alla chiesa indicata come Sancta Maria e dovrebbe essere proprio Santa Maria Maggiore ma questo disegno è stato realizzato oltre un secolo dopo la scomparsa del campanile è l'autore avrebbe potuto confondersi con la chiesa maggiore cioè Santa Tecla che con le sue cinque navate assomiglia molto a quella raffigurata anche Galvano Fiamma cronista dell'epoca collocare campanile dietro le absidi della chiesa maggiore tifica abile quindi nella chiesa di Santa Tecla il campanile originario viene demolito nel 1162 del Barbarossa per evitare che venisse usato per individuare le armate nemiche da lontano del 1333 Azzoni Visconti vuole costruirlo sulle stesse fondamenta il progetto si deve probabilmente allo stesso Francesco Pecorari autore del campanile della chiesa di San Gottardo sempre a Milano è sempre operazione la torre a pianta quadrata di almeno 12 metri di lato di realtà più di 100 metri alla sua base una loggia aspettare la statua di azione al cavallo sui fianchi del campanile erano posti gli stemmi Marmori delle porte della città più in alto sotto la cella campanaria vi era molto probabilmente una cosa sarà un luogo sicuro e con una vista straordinaria sulla città e sulla campagna che allora la circondava sopra la cella campanaria si ergeva una cuspide con balaustre montato su colonnine che terminava con la classica egna dei campanili Lombardi nel 1353 dopo solo vent'anni questo campanile crollò e non vende più il costruito

CONDIVIDI LA PAGINA!