Beatrice

Quella che sto per raccontarvi è una fiaba un po' vCi sono Cavalieri e damigelle guerre cannoni segrete e prigioni cortili e Fontane solamente una cosa però è singolare Qui tutto è reale del Castello Sforzesco non abbiamo una storia lunga anni anni per prima cosa torniamo al 300 e dei primi ideatori vestiamo i panni senti qualcosa uscire un imponente castello per il loro avvenire il luogo sceglierà non sanno e sulle rovine costruite da Stilicone il bizantino decidono di porre Il Fortino i milanesi tuttavia non digeriscono la signoria e compare forconi si fanno avanti per distruggere l'edifici tanti a metà del Quattrocento leFermento il capitano di ventura Francesco Sforza Amico del popolo si dichiara educa si proclama una nuova struttura al castello vuole dare quella che ha l'assetto attuale il famoso Filarete dalla Toscana fa arrivare per progettare la grande Torre sulla facciata principale il successore nel castello vuole abitare Ma la suAbbandonare Infatti Ludovico il Moro non si può contrastare Ludovico è un grande Mecenate e nel castello fa lavorare i più grandi che riesce a trovare Bramante Da Vinci non solo i suoi unici artisti Ma delle loro opere continuiamo a stupirci i dei secoli seguenti Non vale la pena parlare l'edificio vienNavi stranieri conquistato Napoleone Bonaparte trasforma le mura del castello e in caserma senza orpello abbattuto l'imperatore arriva però il periodo peggiore il generale Radetzky per conto dell'Austria bombarda i civili che sono in piazza la rivolta ora abbiamo nelle cinque giornate di Milano siamo ormai alla fine dell'800 e allMi viene affidata la ricostruzione seguirà la tradizione Piazza d'Armi e Bastioni Torrette Torrioni grandi sale e Scaloni di musei si riempiono gli Androni ora le mummie poi trovare e numerose tele osservare l'arte Antica gli strumenti musicali stupiranno i visitatori quotidiani Forse però luogo più belle è sulla sinistra del cortile centrale qui era chiusa di Michelangelo La pietà un gioiello che mostro del Castello l'unicità

CONDIVIDI LA PAGINA!